b-log

mercoledì, 16 03 2011

Alcuni aneddoti dal mio futuro

Blog poco noti ma molto ispirati che seguo da un po': Alcuni aneddoti dal mio futuro.

 

Uno dei lati positivi dell’avere più di 40 anni nel duemilaerotti è poter sostenere confronti sugli albori dell’informatica consumer e farcirli di aneddoti boriosi: il dos, il Macintosh Classic, il Commodore, l’Atari, l’Amiga e via così (volevo sottolineare il fatto che un altro lato positivo è essere in grado di sostenere conversazioni tout court, ma mi è sembrato poco rispettoso verso le nuove generazioni e non l’ho scritto). Permette a noi di quasi di mezza età di tirarcela un po’ con i pischelli nati con le app dell’iphone e con le piattaforme dedicate al gioco che prolungano la loro infanzia oltremisura (d’altronde, sono a casa a girarsi i pollici, vista la situazione, tanto vale girarli su una console). Noi che sappiamo apprezzare fino in fondo i contratti di navigazione flat, rispetto ai salassi in bolletta e all’inconfondibile rumore proto-digitale di connessione del modem. Oppure il tera come unità di misura di dispositivi storage hi-tech e multicolore versus la monocromaticità blu floppy disc dei raccoglitori di file di una volta.

 

Tutto questo ci fa sentire come i nostri nonni con Vittorio Veneto, i nostri padri con la Resistenza, i nostri fratelli maggiori con le università occupate e quelli di mezzo con la festa del proletariato giovanile di Parco Lambro, e ci autorizza a fiaccare di paternali i ventenni che, per andare su youtube, vanno su google, digitano youtube, e poi cliccano sul primo risultato della lista. Magra consolazione, direte voi. Ma il senso di questo esempio è: non è che Internet ci ha reso stupidi, ma sono gli stupidi che utilizzano Internet a loro modo. E allora giù di luoghi comuni. “Si scaricava l’e-mail solo due volte al giorno, una al mattino e una dopo pranzo“, che detta così sembra una prescrizione del dottore. “Il mac dedicato alla scrittura della copia master dei cd rom era su un tavolo a prova di vibrazioni, i cd vergini costavano 20mila lire e si utiizzavano scrupolosamente“. “Windows trepuntouno, quello sì che era un OS stabile”. [#]

 

Continua su a leggere Conversazioni di basso livello (in senso informatico).

martedì, 30 11 2010

Impronte digitali: Achille senza via di mezzo

Appartiene alla lobby dei blogger romani, da anni e anni tiene uno dei blog più divertenti della rete e negli ultimi tempi è finito su giornali, radio e ora ha pubblicato persino un libro. Si chiama Achille e nei giorni scorsi ha presentato la sua guida semiseria Roma senza vie di mezzo (appena pubblicata da Pendragon) con queste parole:

 

Qualche tempo fa mi arrivò una mail con la seguente proposta: una casa editrice bolognese stava preparando alcuni volumi dedicati alle principali città italiane. Il format prevedeva una guida divisa a metà, da una parte le cose consigliate, dall’altra quelle da evitare. Mi andava, diceva la proposta, di scrivere la guida dedicata a Roma?

 

La proposta era allo stesso tempo attizzante e insidiosa per uno come me, un calabrese arrivato 15 anni fa nella capitale dicendo “sono solo di passaggio”  che ha finito per mettere radici. Insidiosa perché Roma è una città complessa e infinita, che nemmeno i romani conoscono bene, e perché a me vien voglia di scrivere soprattutto delle cose che mi piacciono, ma il format era quello: per ogni posto che ami ne devi trovare uno che eviti, per ogni ristorante dove andare ce ne vuole uno che per carità, per ogni locale dove porteresti i tuoi amici devi tirarne fuori uno dove manderesti il tuo peggior nemico.

 

Da queste condizioni è venuta fuori una guida discutibile, personale, si spera piacevole da leggere, non dogmatica, cazzona già nelle intenzioni. Una serie di riflessioni su posti, piazze, pizzerie, pub, discoteche, negozi, usi, costumi e personaggi, in cui ogni cosa sta o di qua o di là. Con l’obiettivo altissimo di cogliere lo spirito della Roma di oggi e quello, più concreto, di scrivere una guida senza usare mai la parola “pittoresco”.

 

Il risultato si chiama Roma senza via di mezzo, e dice che esce oggi.

 

Stasera a Impronte digitali faremo quattro chiacchiere con Achille, per sapere qualcosa in più del suo libro, chiedergli dove si mangia il migliore abbacchio e se essere un blogger di successo aiuta a conquistare il gentil sesso. Dalle 19 alle 20 sui 103.1 MHz in FM a Bologna e provincia, oppure in streaming dal sito di Radio CIttà Fujiko (e domani, in padcast).

 

MP3  Impronte digitali: Achille Corea

lunedì, 01 03 2010

The DotCom Era

C'è qualcosa di contemporaneamente poetico e patetico nel trasferire un blog su un'installazione indipendente proprio quando i blog sono ormai tragicamente demodé, surclassati dalla stringatezza e pervasività dei social network e dalla cronica mancanza di tempo di chi cerca sempre di avere una vita abbastanza piena. Sono anni che i vantaggi delle piattaforme autonome mi sono noti (soprattutto a fronte dei limiti delle piattaforme di hosting condivise) ma ho sempre rimandato il momento della migrazione, temendo che potesse sottintendere un «fare sul serio» che da queste parti si è sempre rifuggito. Dopo 7 anni di blog, però, ho una certa fiducia che non saranno certo WordPress e un nuovo indirizzo punto Com a cambiare le cose e a rendere più o meno serio questo blogghetto anarchico che, non si capisce bene come o perchè, viene letto da più di un migliaio di persone ogni giorno.

 

Lo scorso weekend quindi grazie all'importer di Fullo (basato su quello storico di Terenzani) e a un paio di dritte sul blog del buon Beggi ho preso armi e ritagli e spostato i 3174 post e i 22338 commenti di questo blog su www.inkiostro.com. Il tutto è stato fatto un po' in fretta quindi ci sono poche modifiche grafiche e funzionali, e qua e là ancora un po' di cose da sistemare (segnalatemele, please); nei prossimi giorni però ci saranno un po' di novità tecniche che sicuramente vi piaceranno. E' doveroso ringraziare Splinder che per questi anni mi ha ospitato: nonostante parecchi difetti e un paio di periodi bui in cui non funzionava quasi niente, è una piattaforma molto migliore di quello che tanti dicono e per essere italiana si difende assolutamente bene.

 

Cosa cambia per voi? Se siete tra i 4040 lettori che seguono inkiostro grazie ai feed di feedburner state già leggendo questo post e non dovete aggiornare niente. Se avete nel feed reader il vecchio indirizzo di splinder sostituitelo, e, in generale, aggiornate link, bookmark e tutto il resto a www.inkiostro.com.
L'era PuntoCom comincia qui. Suona bene.

 

lunedì, 05 10 2009

Speranza godete dei suoni!

Voi probabilmente non ve ne rendete conto, ma ogni giorno il sottoscritto, solo per il fatto di avere questo blog, riceve tra le 10 e le 30 e-mail di band, etichette, promoter, agenzie di booking e amici e parenti delle suddette che presentano qualche artista o gruppo chiedendo spazio su queste pagine.

Avendo io un lavoro vero che mi succhia l’anima e il tempo, degli hobby, una specie di vita privata e -ahimè- il bisogno di dormire almeno 6 ore a notte, non ho praticamente mai il tempo materiale da dedicare all’esame di tutte mail che mi arrivano e (men che meno) all’ascolto delle canzoni o dei dischi che propongono. Al 90% cestino questo tipo di mail senza neanche aprirle (sono crudele, lo so; ma nei miei panni lo fareste anche voi); qualche volta però il subject o il mittente contiene un nome o una parola che attira la mia attenzione e finisco per fare click.

Questa mail arrivata nei giorni scorsi (il cui oggetto menzionava un «CD liberato il 23 Novembre») non solo ha attirato la mia attenzione, ma si è rivelata talmente esilarante che non posso non pubblicarla. Non faticherete a capire il perchè.

From: distraction records <info@distractionrecords.com>

 

Hey!

Speranza siete bene! Per lasciarli appena voi sapere che stiamo liberando un CD dal gruppo post-rock elettronico Tempelhof il 23 novembre e lo amerebbe per controllarlo fuori e per giocarlo sulla vostra esposizione!

 

Ho allegato il comunicato stampa e potete trovare le piste in questione in linea a:

[link]

 

Anche se se li volete trasmettergli un CD, appena dicami il vostro indirizzo e trasmetteremo uno fuori immediatamente. Se ci sono niente altro li volete o avete bisogno di, lasciate sapere!

Speranza godete dei suoni! Prendala facile,

 

Darren (Distraction Records)

 

P.S. Scusi il mio italiano dei poveri!

music for the strange kid at school / musica per il capretto sconosciuto alla scuola

www.distractionrecords.com

 

Figurati per il tuo italiano dei poveri, Darren dell’etichetta di musica per il capretto sconosciuto alla scuola!

Ti meriti il link a un MP3 dei Tempelhof (che peraltro sono di Mantova; potevi dirmelo che sono miei connazionali) anche solo per le risate che mi hai fatto fare:

 

 

Tempelhof - Song for Lily (MP3)

 

 

giovedì, 10 09 2009

Un inutile vantarsi

E mentre il motore di ricerca e webmagazine blog Liquida (proprietà di colosso del web italico Banzai e creato dai fondatori originari di Splinder) si è comprato il webmagazine blog Blogbabel (celebre per la sua classifica della popolarità dei blog), noto solo ora che nella suddetta classifica al momento Inkiostro è alla posizione 117, curiosamente sopra la stessa Liquida. Che se vuole comprarsi anche Inkiostro non ha che da chiederlo, viene via per molto meno delle 80 mila pizze di fango camerunensi della prima proposta di acquisto, non ha la classifica ma ha le librerie strane e un po’ di musica buona.

 

giovedì, 08 01 2009

Sei anni: tutte le strade portavano qua

 

Quatto quatto, ieri l’altro questo blog ha compiuto sei anni.

 

Quando ha aperto in Italia c’erano poche centinaia di blog (ora ce ne sono quasi 3 milioni – fonte), Splinder era nato da poco, Blogspot non era ancora stato comprato da Google e WordPress non esisteva. Niente MySpace, Facebook o Twitter: il social network online era un concetto esotico e un po’ improbabile (il paragone più vicino erano i newsgroup, le mailing list oppure le chat di mIRC), e chi metteva il proprio nome e la propria faccia in rete, se non lo faceva per lavoro, era sicuramente uno sfigato. I contenuti multimediali erano i pesantissimi video in Quicktime o gli scattosi streaming di RealPlayer che ogni 3 secondi entravano in buffering; altro che YouTube. Gli MP3 già c’erano da un po’ (troppa grazia se erano a 128 Kbps, però), ma giravano per lo più sulle reti di file sharing come Napster (che però era già morto da 2 anni), Audiogalaxy (già morto pure quello), WinMX e l’inossidabile Soulseek, e sul web ancora si trovava poco o niente. L’indie era un concetto che aveva ancora un senso preciso, e Pitchfork era solo una webzine molto ben fatta (e già molto snob), che però non poteva gareggiare con la AllMusicGuide. Wikipedia aveva pochissimi contenuti in italiano. Il non plus ultra della posta online erano Yahoo e Hotmail, e in Italia Libero e Tin.It; GMail ce la sognavamo. Le serie tv le guardavamo su Italia Uno quando Mediaset si decideva, bontà sua, ad adattarle (= macellarle) e trasmetterle; l’idea di seguirle in pari con gli States come facciamo ora era pura fantascienza. Non che ci fosse chissà cosa da guardare, peraltro: c’era ancora Friends e andava forte E.R., X-files era già finito ma la new generation con House, Lost, Desperate Housewives e compagnia doveva ancora cominciare. Avere un blog era una cosa strana, e per descriverlo agli amici lo definivo come un semplice sito (non come adesso che spesso si fa il contrario); ciononostante, il blog era già morto, non ricordo cosa fosse ad averlo ucciso (certo non Tumblr, Friendfeed o il nanopublishing) ma era già spacciato e senza futuro.

 

Sei anni fa scrivevo spesso dei fatti miei (anche se non tanto spesso), poi gradualmente ho smesso perchè mi legge decisamente troppa gente, da mia mamma al fratello dell’ex ragazza di mio cugino agli sconosciuti che mi fermano al Covo o mi scrivono via mail. Poco più di sei mesi fa ho iniziato a imbarcare su queste pagine alcuni amici, vari blogger stimati, e alcuni altri loschi figuri che non ho mai incontrato di persona, e Inkiostro è diventato due punto zero. Scrivono quando gli pare e di quello che gli pare, e questa anarchia a-redazionale porta spesso a risultati che mi sorprendono e che spero che ogni tanto sorprendano un po’ anche voi. Andremo avanti altre sei giorni o altri sei anni, chi lo sa. Come recitava uno dei primi pay-off di questo blog, se non sai dove stai andando, tutte le strade portano là.

 

venerdì, 02 01 2009

Propositi per l’anno nuovo

Tra tutti i post con i propositi per l’anno nuovo, il migliore è quello di  Giavasan:

3. Guardare più TV. Fondamentale. Uno cerca anche di fare lo snob, ma trovarsi in un ambiente in cui si parla di Belen e Rossano senza capire chi cazzo siano può essere estremamente imbarazzante. Vorrà dire che leggerò meno libri.

 

4. Procrastinare meglio. Ho sempre adottato la regola dei cinque minuti (”Se lo puoi fare in meno di cinque minuti, fallo subito”), poi un amico mi ha fatto notare che la metà delle volte le incombenze che al momento sembrano necessarie si risolvono in realtà da sole. La mia nuova regola sarà quindi quella dei “quindici secondi”. [#]

 

martedì, 23 12 2008

Ceci n’est pas une SPAM

[o sì?]

 

 

Arrivata qualche giorno fa nella mia mailbox. La cosa meravigliosa è che probabilmente è vera.

 

[I dati ovviamente li ho oscurati io. Notare anche che il primo link è goffamente colorato di violetto, come lo sono normalmente i link già visitati. Però si sono scordati la sottolineatura]

 

martedì, 09 09 2008

Dieci cose da non dire mai a un DJ

 

Macchianera Blog Awards 2008: Nomination

Come qualcuno di voi avrà già notato, anche quest’anno Inkiostro è stato selezionato tra i 5 candidati a vincere i Macchianera Blog Awards come Miglior Blog Musicale (nella scorsa edizione ha pure vinto). Il fatto che questo blog parli solo saltuariamente di musica non fa che rendere la candidatura più ambita e, insieme, praticamente priva di significato. (ma quanto siamo snob? Da non credere)

 

 

Visto che l’anno scorso non facevo parte della squadra (perchè ci siamo anche noi, eh! Mr. Canei di Internazionale, il video di Fujiya e Miyagi l’ho postato io, non inkiostro.. Se lui è un Gitano del Cyberspazio io sono almeno un turista della domenica del World Wide Web, che diamine), stavolta posso dare anch’io il mio valoroso contributo alla causa (anche se il link me l’ha passato il padrone di casa…lo batto sul tempo, così vediamo cosa fa, ah!).

 

 

Dieci cosa da non dire mai a un DJ

 

Avete presente quelle liste che girano sui forum (ad esempio qui), sui blog e nelle catene di Sant’Antonio da un secolo? Ecco, dieci cose da non dire mai a un DJ è una cosa del genere: un po’ scontato, ma sacrosanto, e in un paio di punti esilarante. Un giorno la lista capita nelle mani di Andre Harris, un DJ house di Chicago (non esattamente bravissimo, a quanto è dato di sentire) che come niente prende il testo, lo cambia un po’, gli sistema sotto una base da due soldi, e sforna una piccola hit underground (che di per sè non è affatto una bella canzone).

 

1. PLAY SOMETHING GOOD… SOMETHING WE CAN DANCE TO!

[The DJ has to play for more than one person… so what you hate may be another’s favorite song and EVERYTHING played here can be danced to, one way or another, asshole!]

 

2. WOULD YOU PLAY SOMETHING WITH A "BEAT"!

[Get real! We know of NO songs played in a club that don’t have some sort of BEAT!]

 

3. I DON’T KNOW WHO SINGS IT AND I DON’T KNOW THE NAME OF THE SONG, BUT IT GOES LIKE THIS…………

[PLEASE don’t sing for the DJ. We have to put up with rooms full of smelly people and loud music levels all night long… Do us a favour and DON’T give us a rendition of your favorite song, however good you might think you are… knobjockey!]

 

4. EVERYBODY WANTS TO HEAR IT!

[OK… you just polled everyone in the club and, as their spokesperson, you’re requesting the song.]

 

5. EVERYBODY WILL DANCE IF YOU PLAY IT!

[The DJ won’t. I guess that blows a hole in your theory!]

 

6. I CAN GET LAID IF YOU PLAY IT!

[Why settle for one night? Buy the CD and get laid for a whole month, wanker!]

 

7. I WANT TO HEAR IT NEXT!

[The ONLY people who can get away with that statement sign the DJ’s pay cheque!]+

 

8. WHAT DO YOU HAVE?

[It’s a lot easier for you to go have another beer and figure out what you want to hear than it is for the DJ to recite the name of every record in the box!]

 

9. HEY, MAN, NOBODY CAN DANCE TO THIS!

[It’s NOT advisable to say this when the dance floor is packed (but some people do anyway)! HOWEVER, even if there is only ONE person on the floor, it STILL contradicts the statement!]

 

10. PLAY IT SOON BECAUSE WE’RE LEAVING!

[If you’re gonna leave after I play it, why shouldn’t I wait until the very last song so you can stay all night!]

 

Andate a richiederla ai DJ. Magari canticchiandola.

Voglio proprio vedere la faccia. 

 

 

Andre Harris - 10 things not to say to a DJ (MP3)

 

 

sabato, 06 09 2008

Gitano del cyberspazio però no, dai

La redazione di inkiostro arrossisce all’unisono per le sperticate parole di lode spese da Pier Andrea Canei nell’ultimo numero di Internazionale (non online) nei confronti di questo blogghetto (in occasione della segnalazione dell’ultimo singolo di Fujiya e Miyagi all’interno della sua rubrica Playlist):

Fujiya e Miyagi – Knickerboxer

E poi ci sono i gitani del cyberspazio, quelli che non smettono mai di girellare da un link arcano a un server remotissimo, in cerca di musica video e sorprese. Come il famigerato Inkiostro da Bologna, uno che vale la pena di andare a trovare (su inkiostro.splinder.com). Da anni è quasi sempre il primo o l’unico a reperire librerie dalle forme improbabili, giochi, vario cazzeggio internautico e anche musica interessante. Come l’ultimo delirante video di questo quartetto di Brighton dal nome nipponico e dallo swing elettronico, che sminuzza il pop delle nostre vite quotidiane in piccole diapositive colorate da rivedere all’infinito.

[Grazie a Mingo e Pirex per la segnalazione. E ovviamente a Pier Andrea Canei, troppo buono. Il video e la canzone sono sempre qui]

 

martedì, 05 08 2008

Strani sottintesi

Questo è quel periodo dell’anno in cui la mezza Italia che non è già in ferie sta per andarci, contando i giorni che la separano dalla fuga dalle città roventi lasciate in balia del ghibli e delle saracinesche abbassate. I blog italiani in media non fanno eccezione, e se non abbassano la saracinesca virtuale è solo perchè non ce n’è alcun bisogno, e perchè di solito non ci si riesce mai ad allontanare abbastanza dal computer per decretare una vera chiusura.
Da queste parti -parlo per me, ma sospetto che buona parte del resto delle firme che scrivono su questo blog non facciano eccezione- al momento la voglia di stare dietro la tastiera latita, e se si preferiscono forme di aggiornamento più rapide ed estemporanee come twitter, il tumblr Inklog (che vedete anche qui a destra), Anobii o Facebook, è solo perchè per aggiornarle è sufficiente riaccendere il cervello appena per pochi minuti.
Passate le narcotiche ore di lavoro, il massimo di attività in cui riesco a profondermi è leggere o guardare qualche film o serie TV, fuggendo il PC come non mi capita proprio spesso e lasciando a marcire un sacco di feed interessanti, mail ormai impolverate e post che non vedranno mai la luce(non ho neanche voglia di scoprire quante ore di pratica servano per raggiungere i risultati siglati da alcuni dei miei friends di Facebook sui diabolici Word challenge o Who has the biggest brain?, che per uno competitivo come me equivale a denotare più o meno la morte cerebrale, fate voi).
Se riesco a sopravvivere a questa settimana nel deserto bolognese, nel weekend mi attende Frequenze Disturbate (che se non è all’altezza degli anni scorsi, domenica riserva comunque l’eclettica tripletta di tutto rispetto The Radio Dept, Okkervil River e Massimo Volume) e la prossima settimana l’evento folk balneare di Iron and Wine all’Hana-bi, a punteggiare la mia unica settimana di ferie (hai voluto andare in America a Maggio? Ora suda) prima del probabilmente traumatizzante ritorno ai posti di combattimento, lunedì 18.
E proprio da lunedì 18 sarà scaricabile il disco che segna il rinnovato sodalizio tra David Byrne e Brian Eno, presentato ieri da Strange Overtones, un singolazzo killer di tutto rispetto. Se riesco prima di Ferragosto vi faccio ascoltare ancora un po’ di musica, ma se non riesco, avete cotanti nomi con cui consolarvi. Repeat assicurato.

 

David Byrne e Brian Eno - Strange Overtones (MP3) (alt link)

lunedì, 02 06 2008

Inkiostro 2.0

Sì, sono tornato.

[da un po’]

 

Prima di partire per New York City, come già sapete, ho chiesto a un po’ di amici di scrivere qualche post in mia assenza per tenere vive queste pagine. Provvisto com’ero di laptop e smartphone, connessione wi-fi e tempo libero a volontà -il lusso maggiore, di questi tempi- pensavo che anch’io sarei riuscito ad aggiornare il blog abbastanza spesso da là, contando anche che gli argomenti non mi sarebbero certo mancati. Sapete già come è andata a finire.

 

I miei 17 giorni nella Grande Mela sono stati eccezionali oltre ogni dire, e ogni giorno le cose da raccontare erano talmente tante che non aveva senso rubar loro del tempo per mettersi a raccontarle. Abortita sul nascere ogni idea di scrivere qualcosa durante il mio soggiorno (mi sono limitato ad aggiornare con qualche report insopportabilmente cool il mio account su twitter), nei ritagli di tempo mi sono goduto i deliranti, eccellenti, post con cui i miei ospiti hanno animato queste pagine. Se vi hanno fatto rimpiangere la mia presenza, probabilmente non avete mai capito appieno lo spirito di questo blog.

 

Appena tornato, travolto dal jet lag, dalla montagna di lavoro che era rimasta quieta ad attendermi dietro l’angolo e da arretrati vari ed eventuali, mi sono preso qualche giorno sabbatico per recuperare le energie e il fuso orario, e poter così scrivere un post riassuntivo che rendesse giustizia almeno un po’ al mio spettacolare soggiorno newyorchese. Non sono riuscito a fare neanche questo; e a dire la verità non ho neanche avuto la voglia di provarci.

 

Nel mentre su queste pagine hanno continuato a scorrazzare liberi gli altri autori, scrivendo tutto e il contrario di tutto, giocando con la vecchia linea editoriale di questo blog, venendo insultati ed insultando, reclamando a gran voce il mio ritorno (eccomi, contenti?) e prendendo confidenza con quella che diventerà anche casa loro. L’esperimento del blog collettivo, infatti, mi è piaciuto molto, tanto che su queste pagine diventerà la normalità. Abituatevi a leggere la firma del post in basso a sinistra, perchè sarà sempre diversa, e sarà più spesso quella di qualcun’altro che non la mia; un po’ di autori ormai li conoscete già, e altri ancora ne arriveranno. Non so bene cosa ne uscirà, ma sono abbastanza sicuro che sarà meglio di quello che c’era prima.

 

Dopo 5 anni e mezzo, da queste parti comincia l’era due punto zero.

Tenetevi forte.

 

mercoledì, 03 10 2007

Get Black – Nuova formula: e’ più nero che mai

Ci siamo.

Dopo un paio di mesi di pausa, durante i quali Francesca non ha scritto un libro, Fabio ha fatto scelte irrevocabili, Max ha (quasi) registrato un disco e io non ho ancora recuperato il debito di ore di sonno che mi porto dietro dal duemilaetrè, Get Black è pronto per tornare.

Tra un paio di giorni, infatti, lo show radiofonico acromatico, in onda tutti i venerdì sera dalle 21 alle 22.30 sulle frequenze di Radio Città Fujiko (103.1 MHz in FM a Bologna e provincia, con streaming in diretta e podcast MP3 dall’indirizzo http://www.getblack.it ) inaugurerà una seconda stagione ricca di novità. Come al solito la trasmissione, condotta dal sottoscritto insiema al man in black Fabio, la valletta letterata Francesca e il socialista tascabile OfflagaDiscoMax (già voce e penna degli Offlaga Disco Pax, chevvelodicoaffà) traghetterà gli ascoltatori nel weekend a suon di musica indie, squarci di cultura pop, segnalazioni letterarie, nostalgie di passati che forse non abbiamo vissuto, zeitgeist per principianti e scampoli di vita che partono dai portici di Bologna per fare il giro del mondo ed approdare alle delizie del World Wide Web (o viceversa).
Dopo 15 puntate nella Primavera / Estate del 2007, Get Black riprende Venerdì 5 Ottobre, alla stessa ora, con la stessa squadra, ma con una nuova formula. Che però non lava più bianco. Anzi, è più black che mai.

Le novità le facciamo scoprire direttamente a voi venerdì sera. L’unica che vi anticipiamo è l’introduzione dell’appuntamento fisso con Quiz Black, il contest semi-serio che metterà in palio ogni settimana un prodotto selezionato dalla redazione di Get Black: libri, cd, fumetti, biglietti per concerti o altri eventi, e molto altro. Venerdì si comincia con il My Awesome Mixtape Pack, confezionato solo per noi dalle mani sante del leader della band di Maolo Torreggiani, in occasione dell’uscita del disco d’esordio My lonely and sad Waterloo.

Per ascoltare le avventure di Francesca, segnarsi le dritte di Fabio, scopire se Max riuscirà ad uscire in tempo dallo studio di registrazione, ascoltare un po’ di primizie musicali e vincere il My awesome mixtape Pack, sintonizzatevi venerdì 5 alle 21 sui 103.1 FM (a Bologna) o sullo streaming. E segnatevi, per ogni venerdì, una macchia di inchiostro nero sul calendario. Il venerdì nero è tornato, e -come al solito- sta bene su tutto.

 

martedì, 02 10 2007

La ricerca della forma perfetta

Non ricordo la prima volta che l’ho letto. Doveva essere 5 o 6 anni fa, forse su un articolo di Wired; «Il blog è morto», diceva, spiegando come la moda di queste goffe piattaforme per pubblicare online i propri pensieri sarebbe presto finita. Dopo un po’ ne ho aperto uno, ed in Italia ce n’era appena qualche centinaio. Ora, solo qua, i blog sono circa mezzo milione.

Con gli anni, come è ovvio, le cose sono un po’ cambiate. Rispetto ad allora, oggi ciascuno ha un ventaglio di scelte molto più ampio per decidere che forma dare alla propria presenza online. Si può decidere di esserci anche solo con un volto, qualche parola e una rete di (presunte) amicizie virtuali, si può essere presenti con i propri gusti e consumi (musicali, letterari, cinematografici), si può comunicare unicamente in forma di immagini (ci sono degli account di Flickr così curati e aggiornati che valgono più di tante parole) o di video, oppure scegliere qualche piattaforma che consente di inviare aggiornamenti telegrafici sul modo in cui si passano le giornate e sui pensieri estemporanei che ti capitano. Se hai molto tempo libero, online puoi pure viverci in 3D.

Ci sono un sacco di modi di essere online, e praticamente tutti sono nati dopo il boom dei blog. Per eroderne la quota di utenti, imbrigliarla su piattaforme proprietarie (da rivendere poi a peso d’oro alla corporation di turno) e incantarla con la semplicità d’uso, il carattere distintivo e l’automatismo che un blog, nella sua versatilità, non può e non vuole avere.

Negli anni abbiamo osservato curiosi i collezionisti di account, spinti da un mix di completismo e paura di restare indietro, e ci siamo divertiti a guardare i tanti che passano da una forma all’altra, senza requie. Nascono blogger, si convertono a flickr, provano myspace ma poi no, hanno una breve parentesi come podcaster ma poi passano a twitter, ne capiscono la futilità e si buttano sul tumblr, e chissà cosa apre domani, loro sono pronti. Studiare questa frenetica ricerca della forma perfetta è divertente e istruttivo.

E’ divertente e istruttivo perchè dice tanto di noi, e del nostro modo di attribuire agli artefatti cognitivi che noi stessi creiamo dei significati che loro, di per sè, non avrebbero neanche per sbaglio. E’ interessante notare come sia più una ricerca di vincoli che di libertà, quella che ci guida, quasi che dovessimo farci dettare cosa fare principalmente dalle cose che non possiamo fare. Ci angoscia così tanto la responsabilità di avere un po’ di libertà?

Ultimamente va forte Tumblr, il dimesso mini-blog senza grafica, link e commenti. C’è chi ne apre uno come blocco di appunti semi-pubblico e sempre online, chi ne apprezza la possibilità di monologare senza il rischio di essere smentit da repliche o dal contesto, chi ci si inventa agenzia di stampa di virgolettati che non interessano a nessuno (producendosi nello stesso esercizio di distorsione della parole altrui tipico del pessimo giornalismo di cui non fa che lamentarsi), chi lo usa come minimale valvola di sfogo dalla propria identità online ormai diventata troppo ingombrante e chi, semplicemente, come archivio di quick link che non vada perso nel mare dei bit. E’ curioso notare come siano i vincoli e non le nuove potenzialità a delinearsi come una novità liberatoria.

Ogni anno spunta fuori la nuova piattaforma che ucciderà i blog. Dalla sua nascita li danno per spacciati, questi innocui siti gestiti da semplici CMS a ordinamento cronologico inverso, che ad alto livello diventano quasi dei giornali, a basso livello possono essere poco più che una serie di frasette svagate, che possono diventare affollati come forum, veloci come chat, descrivere il loro autore meglio di qualunque diario, svelarne e articolarne i gusti come neanche nei sogni del più fantasioso addetto marketing, eppure tecnologicamente rimangono più o meno gli stessi che erano quando sono nati.

La forma perfetta, per definizione, non esiste. Provate, però, a trovarne un’altra che le contenga (quasi) tutte, nello stesso modo disinvolto in cui ci riesce una cara vecchia piattaforma di blogging. La risposta, piuttosto, è un’altra: volete essere definiti da dei limiti, oppure da delle potenzialità?

 

giovedì, 30 08 2007

I collezionisti di account

Nonostante io passi buona parte della mia giornata online (al lavoro, a casa, mentre dormo), e nonostante io sia in linea di principio un suo grande sostenitore, a parte il blog non sono un grande consumatore di servizi di publishing/community web 2.0. Oltre a queste pagine, a un ultra faceto account su Twitter (esattamente complementare a un blog: il bello è che non serve a niente, e che puoi smettere quando vuoi; vi ricorda qualcosa?) e a una recente infatuazione per Anobii (quasi inevitabile per un bookworm completista come il sottoscritto), mi tengo ben lontano da qualunque servizio 2.0 categorizzabile, a vari gradi, secondo la triade profiling/publishing/community. Vade retro ai profili vuoti di Myspace e alla sua comunicazione che si riduce a richieste e ringraziamenti, ai profili anche troppo pieni di Facebook e al chiacchiericcio di Jaiku, all’esibizionismo fotografico di Flickr e a quello audiovisivo di Youtube, al classifichismo musicale automatizzato di Last.fm e alla spartana laconicità mascherata da profondo ermetismo di Tublr (che non fa niente che non si possa fare anche su un blog, ma ora è più cool), e così via.

 

Capisco benissimo chi sceglie un servizio piuttosto che un altro per marcare la sua presenza online e i suoi contatti più o meno virtuali; ciascuno trova il proprio mezzo (e il proprio contesto) per pronunciare il fatidico «Hello world». Non capirò mai, invece, come riescano tanti ad avere un account su tutti o quasi i servizi elencati sopra, senza avere tutta la giornata a disposizione per coltivarli a dovere, oppure senza sprecarne le potenzialità a renderli, in definitiva, delle inutili tacche sul proprio fucile 2.0.

Quale servizio di messaggistica useranno i collezionisti di account? Quello di Myspace, di Flickr, di Twitter? Ma non c’era già la posta elettronica? E di quali friends (o follower, o vicini, o link nel blogroll, quel che è) sono più amici? Qual è la prima pagina che aprono appena accendono il computer, e quanto ci vuole prima che arrivino all’ultima? Quante informazioni sulla loro vita hanno bisogno di mettere in rete, prima di sentirsi completi?

 

venerdì, 11 05 2007

Get Black! La somma delle parti non fa quattro

Mentre metà della redazione di Get Black non vorrebbe fare altro che raccontarvi quanto si sia divertita al concerto degli I’m from Barcelona di ieri sera al Bronson (un’esperienza altamente sconsigliata ai diabetici, e a chiunque abbia brividi alla sola idea di una ventina di svedesi ubriachi che cantano a squarciagola su un palco coperto di palloncini, tra coriandoli e bolle di sapone; il tipo di concerto in cui ti senti più stupido a non battere le mani che a batterle; unici paragoni i live di Flaming Lips -ma più in piccolo- gli Arcade Fire -con molto meno pathos, ma lo stesso gusto per la rottura delle classiche barriere palco/pubblico- e i Polyphonic Spree -ma meno catto-comunisti), un’altra metà della redazione di Get Black (non necessariamente diversa da quella suddetta) ha finito di lavorare alacremente al sito, che potete visitare qua (blog, presentazione, contatti e -da domani- podcast delle prime 5 puntate, compresa quella di stasera),  un quarto della redazione di Get Black è al Salone del Libro di Torino, e stasera farà la corrispondente d’assalto dalle feste più cool dell’ambiente letterario italiano, un altro quarto della redazione di Get Black per stasera ha proposto una rubrica dal titolo Oro nero/Fiume nero: Agip-Prop e inquinamento da idrocarburi nella canzone italiana (indovinate chi), tre quarti della redazione di Get Black sono estremamente eccitati perchè stasera avranno una telefonata in diretta dal mistico Eurovision Festival di Helsinki, due quarti della redazione di Get Black non vedono l’ora di scoprire di cosa parlerà la puntata di Black wave di AndeaNP stasera, un quarto della redazione di Get Black ha passato una settimana a leggere strip di Dilbert e Demotivators in previsione della rubrica Umore nero e un quarto della redazione di Get Black crede che stasera passerà di nuovo One Two Three Four di Feist e The Last Engineer dei Piano Magic.

In tutto ciò, i quattro quarti della redazione di Get Black  vi danno appuntamento a questa sera, dalle 21 sui 103.1 MHz in FM di Radio Città Fujiko a Bologna, e in streaming (hi-res OGG, med-res MP3) anywhere else in the world. Perchè è venerdì, un po’ per tutti.

venerdì, 20 04 2007

Get Black! E’ gradito l’abito scuro

Dopo il carbonaro e delirante episodio zero della scorsa settimana, questa sera prende il via ufficialmente Get Black!, il primo show radiofonico di intrattenimento cromatico che andrà in onda tutti i venerdì sera alle 21 sulle fraquenze di Radio Città Fujiko. Get Black! nasce dalle ceneri di Airbag, la trasmissione che ho condotto per quasi 4 anni insieme al socio AndreaNP (che quando gli gira aggiorna ancora l’omonimo blog); ad affiancarmi ci sono la valletta letterata Francesca e il man in black Fabio, con la partecipazione straordinaria di Max, noto anche come voce e penna degli Offlaga Disco Pax. Dal nero di seppia al noir, dal dark al Black & Decker, da Frank Black ai Buchi Neri, un’ora e mezza di eclettiche (al meglio) o farneticanti (al peggio) variazioni sul tema che non mancheranno di allietare i vostri venerdì sera.
Alle 21 sui 103.1 MHz in FM a Bologna e dintorni, oppure in streaming nel resto del mondo.
[a breve sito web, blog, archivi audio e corredo in pizzo]

lunedì, 02 04 2007

Mi e’ sembrato di vedere un pesce

Credo che fosse il primo pesce d’aprile a cui partecipavo dai tempi delle sagome di carta attaccate a tradimento sulle schiene dei miei compagni alla scuola elementare; a causa del retrogusto geek della cosa (nonchè dello sforzo zero che comportava) non ho resistito, e chi è capitato ieri su queste pagine si è trovate di fronte qualcosa di inatteso. Tutte le mail, telefonate, sms, messaggi su skype che mi sono arrivati in giornata da parte di amici e lettori sconosciuti preoccupati per il presunto hacking del blog parlano chiaro..

Un grazie a Eugenio di Ciccsoft per la regia e a tutti gli altri partecipanti. E a chi ci è cascato, certo.. :-)

venerdì, 23 03 2007

Ansia da prestazione 2.0

[in vendita fino al 6 Aprile su Diesel Sweeties. Altre ottime e nerdissime t-shirts su SXSW geek T-shirts on Flickr. Le mie preferite: 1, 23, 4 e 5]

 

venerdì, 23 02 2007

Feeds update

Noto che alcuni di voi mi leggono ancora con i vecchi e malfunzionanti feed generati da BlogItalia, la maggior parte usa quelli (non meno malfunzionanti) di Splinder, ma qui da un po’ si stanno usando (e non c’è gara), quelli di feedburner. Aggiornate il feedreader!

 Inkiostro – Feed RSS

venerdì, 09 02 2007

Una vita da blogger

A volte capita che qualcuno mi chieda cosa ci sia di così bello nei blog. Per quale motivo mi trovo spesso a preferire chi racconta la cultura (dischi, libri, film) e la realtà (politica, società, tecnologie) in modo non professionale, nei ritagli di tempo della sua vita, senza dimostare particolari competenze (anche se spesso ce le ha) e senza particolari doveri di obiettività e completezza critica? La risposta, con le dovute differenze, e tralasciando ovviamente i riferimenti ai soldi e (e, purtroppo, in deficit di addette stampa dagli occhi da cerbiatta), me l’ha data Nick Hornby nell’introduzione al suo ultimo libro, in cui parla delle differenze tra la sua vecchia rubrica di recensioni e la sua nuova column personale raccolta appunto in Una vita da lettore. La chiave del successo dei blog e del social networking è tutta qui.

All’inizio della mia carriera di scrittore ho recensito molta narrativa, ma dovevo fingere, come è prerogativa dei recensori, di avere letto i libri fuori dal tempo, dallo spazio e dal mio carattere: in altre parole, dovevo fingere di non averli letti mentre ero stanco o nervoso, o bevuto; di non invidiare gli autori, di non avere una mia agenda di impegni, nè gusti estetici o problemi personali; di non aver già letto altre recensioni della stessa opera, di ignorare chi fossero gli amici e i nemici dell’autore, di non avere in corso tratative per piazzare un mio libro allo stesso editore, di non essere stato invitato a pranzo da un’addetta stampa dagli occhi di cerbiatta. Soprattutto, dovevo fingere di non aver scritto la recensione perchè mi servivano urgentemente duceneto sterline. Essere pagato per leggere un libro e per poi scriverne crea una dinamica tale da compromettere il recensore secondo ogni modalità possibile, nessuna delle quali gli è di aiuto. Perciò questa rubrica sarebbe stata diversa. Sì, d’accordo, anche qui mi avrebbero pagato, ma per scrivere di qualcosa che avrei fatto comunque, cioè leggere libri che già volevo leggere. E qualora avessi sentito che l’umore, il morale, i livelli di concentrazione, il clima o le vicende familiari avrebbero influito sul mio rapporto con un libro, avrei potuto e dovuto ammetterlo. [Nick HornbyUna vita da lettore (pag 9)]

lunedì, 08 01 2007

Quasi dimenticavo

Sabato inkiostro ha compiuto 4 anni.

venerdì, 05 01 2007

La produzione e’ il nuovo consumo

Tra riassunti, ricapitolazioni e classifiche di fine anno (prima) e previsioni, scenari e prospettive per l’anno nuovo (dopo), nelle ultime settimane se ne sono lette parecchie, di cazzate. Fa parte del gioco, e di solito la possibilità di tirare fuori dal cassetto la propria verve di colto e sagace commentatore vale la figura; tanto dopo qualche settimana se ne sono dimenticati tutti, e va bene così.

Tra le varie cose che mi è capitato di leggere ci sono le due lunghe e in qualche misura affascinanti analisi firmate da InformationArchitects.jp (The 50 loudest websites in 2006 and what made them successful e Internet 2007 Predictions), il plurilinkato commento di Alec Bemis su LA Weekly (The Year Blogs Got Lame, Business Got Hip and Nostalgia Was King) e la previsione di Antony Bruno su Billboard (Music biz hopes to profit from consumer content).

Come avrete forse già intuito mi sono, come capita spesso, soffermato sul rapporto tra intrattenimento (audio e video, in particolare), soluzioni tecnologiche e reti sociali. Dai vari commenti (tutti invariabilmente tanto entusiastici quanto apocalittici) emerge una contraddizione che mi ha colpito, che pone l’accento su aspetti opposti e prefigura scenari drasticamente diversi. 

Da un lato c’è una costante magnificazione di piattaforme, aggregatori o sistemi che maneggiano, valorizzano e rendono accessibile il fantomatico user-generated content, i contenuti prodotti dagli utenti. Si parte ovviamente dai blog e da tutti i servizi che ci girano intorno, si continua con il blockbuster YouTube, e si arriva a servizi abbastanza nuovi come Brightcove o iLike, che mirano a supportare (e quindi a sfruttare per monetizzarlo) l’intrinseco bisogno di contenuti connesso alla costruzione di un’identità online da parte degli utenti.

Il fenomeno, in effetti, è sotto gli occhi di tutti, e non da oggi. La cosa che fa sorridere è l’uso del termine user-generated content per contenuti che, come è ovvio a chiunque non abbia dei paraocchi, sono in realtà costituiti per buona parte da materiale che vìola costantemente le (obsolete, vabbè) norme del copyright. Pensate a YouTube ed eliminate i videoclip musicali, le trasmissioni televisive, le pubblicità, tutte le produzioni che usano musica o immagini senza pagarne i diritti, e qualsiasi rielaborazione di tutte queste cose messe insieme, e vedete se quello che rimane è davvero così interessante.

Dal’altra parte si prefigura uno scenario completamente diverso, che vede la sempre ventilata fine del fenomeno-blog (fine di cui si parla da svariati anni; di questo passo qualcuno prima o poi ci prenderà), questa volta sotto la scure degli ibridi blog/webzine che sono nati nell’ultimo anno. Si tratta di siti a metà tra blog e testate editoriali, che uniscono la piattaforma tecnologica, la velocità di aggiornamento, lo stile informale e, spesso, la parziale illegalità dei primi, con le risorse dei secondi: uno staff pagato che ci lavora a tempo pieno («Cosa fai di lavoro?» «Scrivo su un blog»), con conseguente aumento della quantità e della precisione dei contenuti. 

Per fare qualche nome, nel campo della musica ci sono il self-proclaimed #1 music-blog Stereogum (delle cui fortune finanziarie parlavamo già qua), il corrosivo Idolator (proprietà del rampante gruppo editoriale Gawker Media), e il sempre più m-blogghesco Pitchfork (che ha fatto la strada inversa: gli mancano giusto i commenti, poi è un blog a tutti gli effetti); e i primi casi si vedono anche dalle nostre parti (l’ottimo Vitaminic, ça va sans dire).

Chi avrà ragione? Gli Apocalittici della presunta democrazia della rete o quelli della nuova professionalità amichevole che andrebbe a sostituirla? 
[niente Integrati per stavolta]

La mia impressione è che la situazione attuale sia ovviamente da qualche parte tra i due estremi, e, nonostante ai commentatori piacciano sempre i trend ben definiti e i fenomeni chiaramente individuabili, rimarrà nell’attuale limbo ancora per un po’. A deciderne le sorti saranno, come al solito, i soldi: saranno prima gli investimenti a finire (e la bolla dell’intera economia 2.0 a scoppiare; preparatevi, perchè succederà) oppure le singole posizioni strategiche a consolidarsi e a giustificare in qualche modo (economico o meno) la propria esistenza? Quando i siti inizieranno a chiudere e i contenuti torneranno ad essere accessibili nell’unica forma che finora ne ha consentito la produzione e la distribuzione (a pagamento, quindi) la situazione sarà definitivamente cambiata tanto che sarà impossibile tornare indietro, oppure si sarà trattato solo dell’ennesima, un po’ anarchica, parentesi? 
La risposta la lascio ai commentatori (aha). Quel che è certo è che gli unici che non possono essere scossi più di tanto dalla questione sono coloro che da quello che producono e che scelgono di mettere in rete non vedono (ed è giusto che non vedano) mai una lira. Come i dilettanti. O come i blogger.

mercoledì, 20 12 2006

Inkiostro e il sistema: una storia vera

Poniamo che voi abbiate un blog, e che questo blog, un po’ suo malgrado un po’ no, si trovi ad essere tra i blog «musicali» più letti in Italia. Poniamo che, tra gli effetti collaterali di ciò, vi arrivino spesso mail di band o etichette in cerca di attenzione, giustamente interessate a sfruttare uno strumento così potente come i blog, la cui efficacia è interamente basata sul passaparola generato da propri pareri genuini e non mediati, per farsi un po’ di pubblicità. Poniamo che voi ovviamente non ve ne sottraiate, ma trattiate la cosa un po’ come viene, mantenendo il filtro alto ma senza esagerare, perchè ascoltare e scrivere di musica vi piace solo finchè non diventa un impegno.

Poniamo che un giorno vi arrivi la mail della project manager di una major, che fino ad allora vi aveva solo mandato mail su impresentabili «artisti» di musica leggera italiana o di pop internazionale da classifica senza alcun valore, e che quindi dimostravano con tutta evidenza di non conoscere per niente voi, i vostri gusti e i meccanismi dei blog. Poniamo che costei, dopo essersi professata una grande fan del vostro blog, vi proponga di darvi in anteprima alcune canzoni di un disco abbastanza interessante e atteso (e -cosa rara- non ancora finito su internet) da mettere sul blog. Poniamo che voi le rispondiate in modo gentile ma integerrimo ringraziandola per i complimenti e dicendole di mandarvi le tracce, che, come sempre, linkerete solo qualora vi piacciano o vi suscitino qualcosa da dire.

Poniamo che passi qualche giorno, e che alla fine vi arrivi una nuova mail dalla suddetta project manager. Poniamo che questa mail sia la striminzita via di mezzo tra un comunicato stampa e il paradiso dei punti escalamativi, che si riferisce al parlare del disco come all’«operazione», richiede di scriverne subito ma di lasciare le tracce non più di una decina di giorni, e che, soprattutto, svela al suo interno una misera manciata di miseri link a miseri streaming WMA di canzoni miseramente troncate a metà. Poniamo che le tracce volendo siano anche interessanti (niente per cui strapparsi i cappelli, però), ma che linkare mezzi streaming su invito di una major non solo non sia nel vostro stile, ma vi sembri persino controproducente per la major stessa, che evidentemente ignora come si promuove un disco in rete nel 2006.

A quel punto, voi cosa fareste?

_Parlereste del disco e linkereste i mezzi streaming fregandovene di tutto, fieri dell’anteprima che potete sfoggiare e nella speranza di ulteriori, future collaborazioni con la major?

_Cestinereste la mail e tornereste a YouTube?

_O tentereste di spiegare alla povera project manager che, ok che non deciderà lei, ma che con un blog visto che non lo paghi nè direttamente nè indirettamente in pubblicità (come i giornali) o ci tratti diversamente o rischi di fare delle colossali figure di merda?

 

venerdì, 15 12 2006

Due endorsement e mezzo

Uno: come tutti gli anni, il Disco Bravo di Gecco aggrega le top 10 dei dischi dell’anno dei blogger e affini. Io la mia parte l’ho fatta, ora tocca a voi.

Due: Problemi con Capodanno? Giammai! Quest’anno c’è 1..2..3..Casotto!, il capodanno organizzato da Riotmaker e sponsorizzato da Radio Città Fujiko al Circolo della Grada di Bologna. In console Amari, Scuola Furano, Fare $oldi ed Ex-Otago. Notevole anche la bieca iniziativa Capodanno bevo a scrocco, che invita fotologger e myspacer al passaparola virale in cambio di una bevuta. E che, astutamente, pare non valere per i blogger.

Tre: Ieri su Nova, supplemento tecnologico del Sole 24 Ore c’era un interessante speciale sui blog, dal fantasioso titolo BigBlogBang. A parte parecchi articoli ben fatti (e ben firmati), ad attirare l’attenzione è stata la gigantesca mappa della blogosfera (scaricabile qui, via Qix.it) che mostra uno schema dei rapporti tra i blog (se ne avete uno è possibile che ci siate anche voi, benchè trovarsi sia virtualmente impossibile). Sono l’unico a trovarla poco comprensibile e decisamente inutile?

Quattro – Update: mi segnalano che, secondo quanto è scritto su Pitchfork, al numero due della top ten dei dischi dell’anno di Beck c’è l’ultima produzione della nostrana Miss Violetta Beauregarde. Non sono bene sicuro di cosa significa, ma qualcosa significa.