futile e disdicevole

venerdì, 07 06 2013

Vincere tutto

Chi può capire capisce, gli altri niente.

(via)

lunedì, 20 05 2013

Epifani e Caravaggio

[Al di là dell'ovvia lettura metaforica della caduta del nuovo segretario del PD Epifani di questo pomeriggio ad Avellino, immagino di non essere l'unico a rimanere incantato da questa foto (trovata su Repubblica). Non sembra anche a voi un quadro di Caravaggio?]

martedì, 26 03 2013

Psicopatologia spicciola del dj pretenzioso. Cap 8. La Parabola discendente del dj pretenzioso

di

Prima o poi accade. Anche il dj pretenzioso più ottuso smette di negare la realtà. Nonostante compri mensilmente dalle 4 alle 6 riviste musicali cartacee, consulti quotidianamente una pletora di blog musicali italiani e stranieri, continui imperterrito a scaricare intere discografie che non ascolterà mai, ordini osceni vinili di importazione con settimane di anticipo rispetto all'uscita, a un certo punto il dj pretenzioso si renderà conto di essere definitivamente sorpassato.

 

Non ha più scuse. Le discoteche ci sono. Le feste si organizzano. I bar aprono e propongono eventi. Facebook è tutto un ribollire di appuntamenti musicali immancabili. Le radio crescono come funghi dentro e fuori dal web. C'è una grande richiesta di musica in giro e anche di bravi dj. Di altri dj.

 

Lui ormai è fuori dal giro.

 

Primo: l'ammissione del problema. Ci possono volere anni prima che il dj pretenzioso, che passa inutilmente la vita a tenersi musicalmente aggiornato, riesca alfine a capitolare davanti all'evidenza. Nessun locale lo chiama più e non può essere che tutti abbiano perso contemporaneamente il suo numero di cellulare, come amava raccontarsi sottovoce. La verità è che nessuno ha bisogno della sua musica, anche se si è proposto ovunque a prezzi dimezzati o azzerati o in qualche caso rimettendoci soldi di tasca sua. Ormai è finita. Le sue interminabili collezioni di "rare dj tracks" e le pile di magazine di settore, le ore passate a leggere recensioni online e le sporadiche serate di successo (?!) degli anni passati iniziano a sembrare sinistramente inutili persino a lui. Dopo un primo tentativo di suicidio penosamente farlocco (impiccarsi con il cavetto rca della consolle? Davvero?) che non muove a compassione nessuno, subentra la depressione più cupa.

 

Secondo: l'analisi del disastro e l'individuazione dei responsabili. Ritorna il complottismo facile, roba che Grillo al confronto è uno equilibrato ("Non mi capiscono, la musica che propongo è troppo avanti, c'è troppa ignoranza, manca la cultura del bello, c'è la crisi") ma non basta più. Il pretenzioso prova quindi a incolpare l'eventuale consorte ("Non mi sei mai stata di supporto, cosa ti costava venire al club una volta l'anno scorso? Cosa significa ero incinta?!"), la famiglia di origine ("Non mi avete mai chiesto di mettere musica alle vostre feste di compleanno, a pagamento intendo. E poi mi dicevi sempre che ero bravissimo, mamma") e in ultima ipotesi il suo infante primogenito ("Da quando c'è questo impiastro non posso più uscire di casa la sera, potrei portarmelo con il passeggino in consolle, non capisco perché la madre non vuole"). Ma il dj pretenzioso ha già finito la lista dei capri espiatori. Non funziona. Piuttosto che ammettere di essere ormai una figura indesiderabile e appendere finalmente le cuffie al chiodo il nostro si arrovella per notti intere. Si chiude a riccio, muto e scuro in volto, dentro soffre le pene dell'inferno.

 

Terzo: l'illuminazione. Ma certo! Come aveva fatto a non pensarci prima! Il problema non è certo l'arrogante pretesa di imporre a gestori di locali e rari avventori musica inascoltabile ("Ma con ottimi voti su Pitchkork!") ed esigere per di più di essere pagato e ringraziato anche se non balla nessuno. Il problema è sicuramente la tecnologia obsoleta! Siamo nell'epoca di Spotify, della digitalizzazione degli archivi. Ormai mixer e cdjs sono superati! Trovarsi davanti un dinosauro che maneggia quegli strani dischetti di plastica e quel preistorico ambaradan senza l'autoironia di definirsi vintage e senza nemmeno uno straccio di laptop collegato è anacronistico. E antiestetico. Ma il pretenzioso ora ci vede chiaro e ha deciso: si cambia.

 

Quarto: la soluzione. Preceduto da settimane di febbrile studio e dal confronto fra decine di schede tecniche e tutorial su youtube, arriva ineluttabile il giorno della follia. Ipotecando gran parte delle risorse economiche familiari e con esse il futuro del suddetto primogenito, il dj pretenzioso sferra il colpo di coda, la mossa a sorpresa che lo rilancerà con forza, secondo i suoi calcoli, nel panorama musicale locale e nazionale. E compra un controller digitale vergognosamente costoso.

 

Quinto: le patetiche giustificazioni dell'insano gesto. Il dj pretenzioso, con gli occhi iniettati di sangue e un po' di schiuma ai lati della bocca fornisce anche a chi non gliene chiede conto le motivazioni che lo hanno letteralmente costretto all'acquisto ("Ma davvero non capisci? Questo è un investimento! Me lo ripago in tre settimane! Così si è evoluta la scena dei club, questa è la storia dei dj di successo mondiale, tutti gradualmente trasformatisi da meri esecutori mischiadischi a geniali produttori, venerati compositori, creativi remixatori. Pensa ai 2 many djs, a Fatboy Slim a Guetta a Skrillex! Non avrebbero certo potuto farlo continuando a utilizzare solo delle infime consolle. La ricombinazione creativa dei generi, il patchwork musicale, l'interpretazione post-moderna, il brillante ripescaggio, il nuovo concetto di dance floor consapevole! Ora niente è più come primaAHAHAHAH"). A chi gli chiede dove intende utilizzare il suo nuovissimo controller, visto che da mesi non ci sono locali che gli propongono di mettere musica, fa spallucce e poi cambia discorso.

 

Sesto: i prevedibili effetti collaterali. La moglie chiede il divorzio, prende il bambino e torna dalla madre. Ma alla fine a lui non dispiace: ora ha finalmente più tempo da dedicare al suo eccitante giocattolino che gli spianerà sicuramente la strada verso il successo.

 

Settimo: l'amara consapevolezza della senescenza. Avete presente quei cinquantenni che dopo una vita sedentaria danno di matto e si comprano una Harley Davidson per sentirsi più giovani, ma poi devono allungare la dieci euro al ragazzo che gliela consegna per farsi spiegare come metterla in moto? Così si sente il dj pretenzioso che alla soglia delle 40 primavere tenta di imparare a usare un controller ravanando fra le peggiori ipotesi proposte da yahoo answer e negli infimi forum per dj digitali. Il problema è che dopo una settimana non ha ancora imparato ad usare traktor o men che meno ad accendere il preziosissimo aggeggio.

 

Gran finale: dopo una spaventosa quantità di tempo dedicata a capire come funziona il suo delicato marchingegno, il pretenzioso apprende finalmente ad usarlo in maniera soddisfacente. Ora è davvero pronto per ricominciare. Può riconquistare le consolle dove imperversava (?!) un tempo, far impazzire le piste da ballo, riempire i club. Se lo sente.

 

Ma ormai le discoteche che avevano aperto hanno chiuso. Di feste non ne fanno più. Inoltre sono clamorosamente tornati di moda i giradischi tradizionali con i vinili e al limite i mangiacassette, che sono vintagissimi. Quindi, proprio come prima, non lo chiama nessuno a mettere musica, nessuno gli offre serate, nessuno vuole tra le scatole lui, il suo tecno-gioiello del missaggio digitale e la sua musica improponibile.

 

("E questa cazzo di consolle nuova non ha nemmeno dei cavi per fare finta di impiccarsi, maledizione!")

martedì, 12 03 2013

Modi molto brutti per svegliarsi

Questa mattina mi sono svegliato abbastanza male. Ma mai quanto i protagonisti di questo clamoroso super-cut, che contiene alcune delle sveglie più traumatiche che possiate mai immaginare. E alcuni degli amici più stronzi, anche.
(via)

 

mercoledì, 26 12 2012

Mi sembra di averlo già visto da qualche parte

[via]

martedì, 18 12 2012

Proposte per un mondo migliore

Le proposte per un mondo migliore di Astutillo Smeriglia sono sempre attuali:

 

Per par condicio, qualsiasi servizio televisivo che parli di ufo o di apparizioni miracolose deve essere accompagnato da risate fuori campo.

 

Tutti coloro che ammirano la straordinaria perfezione dell’universo verranno infestati dalla Taenia Solium. Così potranno ammirare la straordinaria perfezione dell’universo più da vicino.

 

Se uno parla a nome di Dio, deve esporre il cartello: “riproduzione non autorizzata”.

 

Il suono del clacson deve essere diffuso all’interno dell’abitacolo, non all’esterno. Analogamente gli abbaglianti vanno puntati negli occhi di chi li aziona.

 

Minare i campi da calcio.

 

Il sistema politico in cui viviamo va benissimo, purché si disattivino i pulsanti del Parlamento.

 

Tutti gli operai che votano a destra vanno immediatamente accontentati: salario dimezzato, niente ferie, cinquanta ore di lavoro settimanali e due spilloni roventi nei capezzoli.

 

Quando uno fa un’omelia, una ramanzina o un qualsiasi predicozzo moraleggiante, alla fine deve apparire il numero di volte che si è masturbato. Questo per mettere le cose nella giusta prospettiva. [#]

giovedì, 08 11 2012

Intervallo (strappone che suonano i System of a down con dei violini elettrici)

[Meytal Cohen - Toxicity (System of a down cover)]

lunedì, 05 11 2012

Ce la meritiamo, l’estinzione

Ho seguito da vicino (per motivi personali e di affetto verso la città) l'arrivo dell'uragano Sandy su New York City. Ho monitorato siti di news e live blog, browsato gli hashtag sui social network, passato la serata di lunedì a guardare online la terrificante diretta sul Weather Channel (e poi non sono riuscito a dormire, strano, eh?) e, ora che il peggio dovrebbe essere passato, a leggere i report dei disastri e a guardare le foto. Nell'era degli smartphone, di Facebook e di Instagram, le foto dei disastri sono un vero e proprio genere a sé stante, in cui la curiosità un po' malata verso i risultati della distruzione viene elevata a potenza dalla pervasività in real-time della condivisione sociale e dalla distorta logica del Like.

A tal proposito, ho trovato significativa e un po' inquietante questa meta-foto trovata come al solito nella splendida (ma per niente esaustiva) raccolta effettuata da The Big Picture. Il primo pensiero è che forse ce la meritiamo, l'estinzione.

 

martedì, 16 10 2012

Riceviamo e volentier pubblichiamo: gli Arditi di Padre Pio

Non so bene chi si nasconda dietro il progetto Arditi di Pio, ma so che certamente ha troppo tempo libero e (spero) non tutte le rotelle a posto. Giorgio mi segnala il loro ultimo video Padre Pio ti amo abbestia, che segue il precedente Salvaci da Satana, Padre Pio e, come dire, già il titolo parla da sè. Buona visione.

 

 

martedì, 02 10 2012

La più brutta scena di morte in un film di tutti i tempi

Avevo letto il titolo Worst movie death scene ever ma pensavo alla solita definizione esagerata (ormai se non c'è di mezzo un superlativo assoluto chi clicca più?). Poi l'ho guardata, e ho scritto il titolo di questo post.

(via ConteGola su FB)

 

domenica, 30 09 2012

Tutto Molto Bello 2012 – contro il logorìo del calcio moderno

di

 

Sfera Cubica, Locomotiv Club & AICS Bologna

in collaborazione con Prodezze Fuori Area

presentano

 



TUTTO MOLTO BELLO

 

 
 
il primo Torneo di Calcetto per Etichette Indipendenti (e non solo!) giunto alla II edizione, in programma domenica 30 settembre 2012 presso il Locomotiv Club di Bologna.

Dopo il successo dell'edizione 2011 con 8 etichette partecipanti, banchetti, live e tanti artisti in campo, torna Tutto Molto Bello, il primo Torneo di Calcetto per Etichette Indipendenti (e non solo!) giunto alla II edizione, in programma domenica 30 settembre 2012 nell'area esterna al Locomotiv Club di Bologna in via Sebastiano Serlio 25/2.

Una seconda edizione ricca e variegata, con 16 etichette partecipanti (il doppio della prima edizione!), che si scontreranno su due campi dalle ore 15 fino a tarda sera, con intermezzi musicali, arbitri professionisti e sottofondi musicali. Accesissime partite di calcio a cinque con protagoniste agguerrite compagini formate da artisti, produttori, promoter, tecnici del suono, tour manager, operatori del settore indipendente italiano
L'evento sarà arricchito dagli showcase dei musicisti delle etichette in campo, open stage, food & drink, area expo con i banchetti delle label, finalissima in notturna, diretta radiofonica e ovviamente… prodezze fuori area!    

 
 
 
 
LIVE
 
 
Peppe Voltarelli
L'orso
Honeybird & The Birdies
Kafka on the shore
Med In Itali
Boxerin Club
 

Jennifer Gentle

lunedì, 24 09 2012

Certi giorni tutto ciò che di cui hai bisogno è un iPhone 5 che viene cotto a microonde

venerdì, 11 05 2012

True that

venerdì, 30 03 2012

Lana Del Cash

A sinistra, alcuni fotogrammi di “Sabbie mobili” di Marracash, diretto da Gaetano Morbioli. A destra, “Born to Die” e “Blue Jeans” di Lana Del Rey.

venerdì, 23 03 2012

«Cosa vuoi fare nella vita?» «Suonare Over the rainbow con un organo fatto di gattini giocattolo»

[presented without comment]

mercoledì, 14 03 2012

Spoiler Etiquette

di

Ah, spoiler. Possiamo metterci a discutere per settimane su cosa sia o meno uno spoiler e dove si possa tracciare la linea di confine tra ciò che va celato e ciò si può discutere pubblicamente di una serie tv, in corso o terminata. Ma ci sarà sempre qualcuno che violerà questo tacito accordo, causando litigi e disagio sociale.

    

Per combattere questa terribile piaga contemporanea, gli attori di alcune popolari e/o amatissime serie tv (True Blood, The Wire, Battlestar Galactica, Walking Dead, Dexter, Heroes) si sono riuniti in un PSA sotto l'egida di College Humor (leggi: non è una cosa seria) per proporre finalmente una Official Spoiler Etiquette.

 

Attenzione. Contiene spoiler.

 

 

[per la precisione: i "veri" spoiler contenuti nel video riguardano la fine della terza stagione di The Wire e la fine della quarta stagione di Dexter]

mercoledì, 07 03 2012

Demenza allo stato puro

Costanza pesca chissà dove questo clamoroso mash-up tra Smack my bitch up dei Prodigy e Su di noi di Pupo, ed è subito delirio.

 

venerdì, 02 03 2012

Mi ha fatto ridere

[Devil is in the details]

martedì, 24 01 2012

Miracoli dell’ingegneria musicale: i Bon JovIver!

G-E-N-I-O.

(via Pop Topoi  )

 

Bonus un po' meno bello: (sempre via Pop Topoi): Fleet Foxes sing

martedì, 04 10 2011

Esportiamo i talenti italiani

Se voi leggete« Well-Dressed Heckler Interrupts CNN Report on Amanda Knox Acquittal» come descrizione di un video di YouTube, a cosa (o meglio, a chi) pensate? ESATTO.

 

venerdì, 16 09 2011

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Il video di Jo Monaciello, «il più grande cantante neomelodico satanista del mondo». Non promette quello che mantiene, nè come cosa seria, nè come parodia; è brutto e basta. Quindi è bellissimo.

[grazie a Checco]

 

mercoledì, 31 08 2011

Ideale per le giornate di merda

Un excursus dettagliato su come si fa la carta igienica.

 

martedì, 30 08 2011

La metapizza

Ovvero una finta pizza fatta di snack assortiti al gusto pizza.
Pare che fosse buonissima.
Dettagli qui.

 

mercoledì, 27 07 2011

Altro che tamarreide

Nella quarta stagione gli uber-zarri italoamericani di Jersey Shore sbarcano in Italia, e da quello che si è letto nei giornali e che si vede nel promo qua sotto, per gli amanti di certo trash catodico (o i fini commentatori di usi e costumi e pop culture) sarà probabilmente un must see. Negli USA la nuova stagione comincia tra una decina di giorni (non so da noi; immagino in autunno), e sospetto che contribuirà a migliorare l'immagine dell'Italia all'estero (negli USA, almeno) quanto una gaffe o una barzelletta di Berlusconi a un meeting internazionale.

 

mercoledì, 29 06 2011

L’avete vista ovunque ma non riesco a non linkarla

Carta igienica, l'infografica. (via)