tv series

mercoledì, 07 03 2012

Game of Thrones sul divano dei Simpson

Piccole meraviglie: i titoli di apertura dei Simpson in stile Game of Thrones.

 

domenica, 19 02 2012

L’anno del maiale (Black Mirror)

di

Black Mirror non strappa nessun sorriso leggero e non fa per niente bene.

Black Mirror è fotosintesi clorofilliana in sola fase notturna, agar per stomaci sensibili, supplica di travelgum senza il giro in montagna.

Tv-serie completamente sottrattiva, dei cinque sensi te ne restano solo due, udito sterile per giudici in cerca di (dis)Human Factor e vista amplificata, molto attenta e tanto spenta, mentre si fruga nelle proprie memorie migliori e nei peggiori minuti collettivi, cheers.

Perfettamente delineata al suo interno. Gli americani ci avrebbero tirato su 4 stagioni almeno. Gli inglesi tagliano corto, tre puntate, poco meno di un’ora l’una, secche frazioni di un quarto. Gli episodi fanno tutti storia a sé, legati dalle Nuove Tecnologie del momento. Si va dal globale al sempre più crescente personale, in cui tu solo decidi se venga prima l’Etica, la Morale o l’Estetica, domandando al vicino: a te che puntata è piaciuta di più/ti ha fatto stare peggio?

A me la prima, per quella coscienza sociale spesso in bilico, perché potrebbe succedere oggi e perché estremizza l’Arte rendendola così vicina ad una possibilità di verità.

A me la seconda, per quel mio rifiuto netto di app-licazioni, spacciando per necessario ciò che non è nemmeno reale, perché potrebbe succedere domani e perché alla fine è un’altra sconfitta personale in avatarvisione, vendersi per un immobile più grande.

A me la terza, perché il modo in cui selezioniamo i nostri ricordi mi ha sempre interessato e perché conosco più di uno che pagherebbe, arrendendosi alla propria memoria fallace, dilaniando sé e gli altri in un Otello stupidamente giocato al massacro privato. E perché poi, almeno questa, non è verosimile. O avete attivato già la vostra Timeline?

 

mercoledì, 15 02 2012

Mad Men subway posters hacked

Come probabilmente già sapete, tra poco più di un mese negli USA comincia la quinta stagione di Mad Men, che arriva dopo quasi due anni dalla fine della pluripremiata quarta stagione. L'attesa è già alta, ma ad aumentare l'hype la AMC ha tappezzato New York, e in particolare la metropolitana, di manifesti a dir poco essenziali:

 

Non si sa se l'intento dei creativi che hanno pensato la campagna fosse questo fin dall'inizio, o se sia stato semplicemente un effetto collaterale dell'invitante spazio bianco che costituisce buona parte dei manifesti, sta di fatto che, anche grazie all'esplicito invito di Gothamist, in men che non si dica questi hanno iniziato ad essere ritoccati e manomessi, spesso in modo anche piuttosto creativo (immagino che la maggior parte si sia riempita di cazzi, tag e/o insulti, ma quelli evidentemente non sono finiti in rete). I migliori li trovate qui e qui.
I miei preferiti sono quelli qua sotto:

 

 

 

 

 

 

martedì, 31 01 2012

Le previsioni del tempo più accurate oggi ve le dà Lord Stark

lunedì, 19 12 2011

Breaking Beavis

[È l'illustrazione di una t-shirt che si compra qui]

lunedì, 12 12 2011

Winter is coming in April

Come da teaser qua sopra, la seconda stagione dell'everyone's favourite guilty plasure Game of Thrones andrà in onda ad Aprile su HBO

venerdì, 11 11 2011

#occupyBreakingBad

martedì, 11 10 2011

Breaking bad, fucking good

Breaking Bad è probabilmente la migliore serie tv di questi anni. Potreste pensare che io lo dica sull'onda dell'impatto emotivo dello spettacolare season finale che è andato in onda tre sere fa su AMC, ma non è così. Dall'inizio della terza stagione in poi ogni puntata è una piccola meraviglia di scrittura, di regia e di recitazione, tenuta in piedi da una trama sorprendente, da dialoghi perfetti e da attori bravissimi (per la sua interpretazione del protagonista Walter White, Bryan Cranston ha vinto 3 Emmy di fila come miglior attore di una serie drammatica). Insieme a The Wire, a Studio 60 e a Mad Men è probabilmente la serie tv che mi sia piaciuta di più di tutti i tempi, e mi meraviglio sempre a scoprire quanto poco sia nota dalle nostre parti.

 

Mentre voi ve la procurate e mentre io medito se rivedermela tutta dalla prima puntata, vi evito ogni spoiler ma vi lascio con i due azzeccatissimi pezzi presenti come soundtrack dell'ultima puntata. Sarà una lunghissima attesa fino all'ultima stagione dell'anno prossimo, e non ho veramente idea di cosa diavolo il creatore Vince Gilligan tirerà fuori dal cappello. Ma sono matematicamente sicuro che mi stupirà.

 

 

MP3  Daniele Luppi & Danger Mouse feat. Norah Jones – Black

MP3  Apparat – Goodbye

martedì, 04 10 2011

Le impronte (sempre digitali) lasciate dalle webserie

di

Torna Impronte digitali, emerita trasmissione su radiocitta'fujiko di Bologna, ogni martedì alle 19, per parlare di web e nuove tecnologie.

 

Quest'anno cominciamo incontrando Pier Mauro Tamburini, autore televisivo (nello staff di Camera Café), giornalista per il Post e ora dedito alle webseries. Una di queste è La deriva del panda, (Inkiostro ne ha già scritto), e Pong. Scopriremo scena e retroscena del fenomeno webserie: curiosità e gag che riguardano le serie e il modo in cui vengono scritte, domande seriose su come si produce una webserie, in quanti giorni si gira e dove, quanto costa e se si guadagna, fra quante decadi Endemol e simili si accorgeranno del fenomeno e, in generale, dove sta portando questo intreccio tra web e video. 

 

Intanto rinnovo l'invito a guardarla e come da tradizione il podcast

 

MP3 – IMPRONTE DIGITALI – Pier Mauro Tamburini

 

LA DERIVA DEL PANDA - Episodio Zero from Panda on Vimeo.

giovedì, 29 09 2011

A deeper bond with the product: nostalgia

Nuove frontiere del mash-up audiovisivo: Don Draper "vende" la nuova Timeline di Facebook.

(Update: è stato rimosso quasi ovunque per motivi di copyright. ne trovate ancora una copia qui, non so per quanto)

 

martedì, 13 09 2011

Siamo tutti panda

Parto sempre un po' prevenuto con le webserie, ma la puntata zero dell'italianissima La deriva del panda mi ha strappato un paio di risate di quelle grasse. E' fatta di sketch veloci sui rapporti tra giuovani uomini e giuovani donne, è stata scritta, girata e montata in 10 giorni, e dietro ci sono alcuni dei nomi di quel piccolo fenomeno che è stata Pong. Se oggi avete una ventina di minuti liberi spingete play.

 

lunedì, 12 09 2011

Real life Futurama

[create da artanis-one. Su DeviantArt trovate anche il Dr. Zoidberg, Mordicchio e Morbo]

venerdì, 26 08 2011

L’esercito dell’ultima scimmia

di

    

Gli ultimi mesi sono stati particolarmente positivi per lo sviluppo delle webserie italiane: l'esempio più clamoroso è stato senza dubbio quello di Freaks!, una miniserie ispirata esplicitamente a Misfits che ha avuto un notevole impatto (800 mila views per il primo episodio) ma non ce ne sono state altre capaci di eguagliarne il successo.

 

Qualche ora fa è uscito il trailer di una nuova webserie tutta italiana che, se mantenesse anche solo metà di quello che promette in questi 45 secondi, potrebbe diventare un caso. Oppure no. Si intitola Last Monkey, è composta da 6 episodi e andrà "in onda" ogni giovedì su Youtube a partire dal primo settembre. 

 

Girata in poco più di una settimana giorni con due settimane di post-produzione e diretta da Giuseppe Contarino, Last Monkey è descritta così nel profilo Facebook ufficiale:

Salti temporali. Atroci omicidi. Sangue. "Last Monkey" è la storia di Jane, fredda assassina al servizio della Similus, organizzazione segreta che si muove indietro nel tempo per riscrivere il passato.

 
(grazie a Gabriele Niola per la segnalazione)

sabato, 06 08 2011

E se Game of thrones fosse un videogioco?

Esilarante finta versione RPG a 8 bit (da qualche parte tra Zelda e Monkey Island) di Game of thrones creata dai soliti geniacci di College Humour. Attenzione: decisamente NSFW e interamente composto di spoiler della prima stagione.

 

mercoledì, 27 07 2011

Altro che tamarreide

Nella quarta stagione gli uber-zarri italoamericani di Jersey Shore sbarcano in Italia, e da quello che si è letto nei giornali e che si vede nel promo qua sotto, per gli amanti di certo trash catodico (o i fini commentatori di usi e costumi e pop culture) sarà probabilmente un must see. Negli USA la nuova stagione comincia tra una decina di giorni (non so da noi; immagino in autunno), e sospetto che contribuirà a migliorare l'immagine dell'Italia all'estero (negli USA, almeno) quanto una gaffe o una barzelletta di Berlusconi a un meeting internazionale.

 

venerdì, 08 07 2011

What would Don Draper do?

Dio quanto mi manca Mad Men. Mentre aspettiamo la nuova stagione (che partirà a Marzo del 2012), rifacciamoci con questo eccezionale diagramma di flusso del solito geniale The oatmeal:

 

 

 

giovedì, 07 07 2011

Qualcuno sa perchè

Game of thrones violin solo cover (via).

domenica, 10 04 2011

Il becco del cuore

«Gastanis», «Diccio», «Renè Paperoghetti»: pare che la scorsa settimana su Topolino abbiano pubblicato una parodia di Boris. Riusciamo a recuperarla?

[via]

martedì, 29 03 2011

Boris – il film

 

Quando ci si trova a parlare di Boris – il film è impossibile non cominciare dal folle e ambizioso progetto che incarna: portare al cinema quella che è stata la serie tv italiana più bella e amata degli ultimi anni (ma, forse di tutti i tempi). Ci voleva un miracolo, ma il film ce la fa, e riesce a traghettare con spaventosa naturalezza sul grande schermo tutto ciò che ha reso la serie un culto per un numero incalcolato (ma grande) di persone: il sarcasmo amaro e disincantato sulla situazione italiana, i personaggi grotteschi eppure dannatamente familiari, i tormentoni esilaranti e la scrittura di dialoghi di altissima qualità.

 

Ma c'è di più: l'effetto «serie tv al cinema» viene quasi ribaltato, e ci si scopre a pensare a quanto l'anomalìa sia stata semmai l'essere riusciti a portare in televisione (anche se sulla pay-tv prima e sul digitale dopo) un'opera così stratificata e metaforica, in cui si ride tanto per «Bucio di culo!» quanto per l'affresco impietoso della situazione lavorativa, politica e umana di questo cazzo di paese che è talmente rovinato che è quasi riuscito a farci affezionare ai suoi peggiori difetti. Certo: il film, come la serie, non è perfetto, e verso il finale si ripiega un po', replicando uno schema in qualche modo simile a quello dell'ultima stagione. Ma non può che andare così, e probabilmente ogni altro finale sarebbe stato sbagliato.

 

Di più, senza svelarvi la trama, non posso dire. Ma se amate la serie amerete il film, mentre se non la conoscete potrebbe essere il modo perfetto per vedere all'opera Renè Ferretti e soci in forma assolutamente smagliante. Portateci gli amici, la mamma, il babbo e i fratelli minori, e ho il sospetto che piacerà un po' a tutti, e non necessariamente per motivi diversi. Non so come ci riesca, ma ci riesce. GENIO!

 

 

giovedì, 24 02 2011

Che v’o dico affà

Finalmente il trailer ufficiale del film di Boris. Dai dai dai dai!

[via]

martedì, 15 02 2011

Nothing on TV is real

(via)

mercoledì, 02 02 2011

Fuck Yeah Boris

Prime immagini e pressbook dal film di Boris, e una certezza: il film esce, appropriatamente, il Primo Aprile.

Come è appropriato che il trailer, già in visione in sala, non sia ancora visibile online.

Uffici stampa alla cazzo di cane?

 

 

 

 

[e nella colonna sonora ci sono ovviamente Elio e le storie tese, che interpretano un pezzo intitolato Pensiero Stupesce. Aspettare fino ad Aprile sarà dura]

giovedì, 13 01 2011

Dexter’s victims

L'infografica della settimana è il bellissimo riassunto di tutte le vittime di Dexter.
Clicca per ingrandire, ma se non sei in pari con gli USA occhio che è tutta uno spoiler..
[via]

 

mercoledì, 15 12 2010

Alignment Charts!

Piccole cose che fanno i veri nerd felici: il blog americano Mighty God King in questi giorni ha lanciato la Alignment Chart Week, ovvero la settimana in cui l'hobby è pubblicare la categorizzazione del mondo (nello specifico, dei personaggi delle serie tv) secondo gli allineamenti di Dungeons and Dragons (se non sapete di cosa sto parlando, non siete dei veri nerd). Qua sotto quelle di Mad Men e Big Bang Theory, ma sul sito ci sono anche quella di The Wire (che è un po' spoilerosa, per questo non ve la metto), 30 Rock, Arrested Development e alcune altre. Molto ben fatte.

(via)

 

 

[Clicca per ingrandire]

 

 

[Clicca per ingrandire]

lunedì, 18 10 2010

Mad youngsters

Ieri sera negli States è andato in onda l'ultimo episodio della stagione, quindi pazientate per un ultimo post su Mad Men e poi per un po' su queste pagine non ne sentirete più parlare. Non resisto infatti dal postare la gallery di The Fab Life che mostra com'erano gli attori principali della serie anni prima di diventare famosi nelle loro versioni anni '60; da un lato con alcuni è inevitabile farsi quattro risate, dall'altro è rincuorante vedere che il tempo democraticamente dà (o toglie) un po' a tutti. (via)