martedì, 04/02/2003

nessun titolo

And underneath the same stars
Momo racconta il concerto dei Karate al Covo di Sabato scorso. Io c’ero, anche se purtroppo solo con la mente.

lunedì, 03/02/2003

nessun titolo

Rilancio
FFWD linka la videografia di Spike Jonze? E io rispondo con quella del mio regista di videoclip preferito, Michel Gondry. Gondry ha diretto video del calibro di Protection dei Massive Attack, Around the world dei Daft Punk, Knives out dei Radiohead, Fell in love with a girl dei White Stripes e Come into my world di Kylie Minogue. Il mio preferito è Let forever be dei Chemical Brothers.
(di tutti i video che ho citato ci sono commenti, screenshots e clip qui
Curioso: anche FFWD, tra i video di Spike Jonze, ne preferiva uno dei Chemical Brothers.



lunedì, 03/02/2003

nessun titolo

Finalmente
Ecco
le leggi che regolano i cartoni giapponesi e le leggi del moto nei cartoni. Se le avessi lette qualche anno fa ora sarei una persona migliore.
Qualche esempio:
# Legge dell’Amplificazione sonora.
Nello spazio i rumori delle esplosioni si trasmettono ancora meglio perché non c’è l’aria a trattenerli.
# Legge della Combustibilità Inerente.
Qualsiasi cosa esplode.
* Primo Corollario
Poco prima di esplodere, si gonfia.
# Legge dell’Inesauribilità
Nessuno può rimanere senza munizioni.
# Legge della Regressione Molecolare
Le donne giapponesi invecchiando possono restringersi fino a un decimo delle dimensioni di quando erano giovani.












lunedì, 03/02/2003

nessun titolo

Battiato a Cannes?!?
C’ è possibilità che il primo film di Franco Battiato, Perduto amor, sia presentato alla prossima edizione del Festival di Cannes, a Maggio. Nel film, che ha come protagonista Corrado Fortuna, compaiono anche De Gregori, Andrea Pezzi, Morgan, Manlio Sgalambro e lo stesso Battiato. Qui ci sono tutte le informazioni che si possano desiderare sul film (con tanto di foto sul set).

lunedì, 03/02/2003

nessun titolo

Fa paura
Fa paura sentire un’esplosione, alzare la testa e capire che qualcosa non va. Fa paura avere l’11 Settembre che inevitabilmente torna in mente prima del Challenger. Fa paura che ci sia bisogno di specificare che non è stato un atto terroristico. Fa paura che in Texas piovano pezzi di metallo, che dicono tossici, come non bastassero le schifezze tossiche che respiriamo, mangiamo, tocchiamo, inaliamo.
Fa paura che nel 2003, ben 2 anni dopo l’Odissea nello spazio, ancora gli shuttle siano lungi dall’essere sicuri (ma cosa lo è?) e cadano così, senza attacchi alieni o intelligenze artificiali in rivolta. Fa paura che uno già pensa agli scudi spaziali, e gli cadono ancora le navette. Fa paura che ci sia la possibilità di attribuire l’incidente a qualche controllore stanco, a qualche meccanico negligente o ad un errore dei plurilaureati piloti.
Più che la morte di 7 persone, fa paura il fatto che il mondo non è facile e semplice come qualcuno voleva farci credere.



lunedì, 03/02/2003

nessun titolo

Allucinante
Ho appena visto la puntata di Blunotte dedicata alla strage della Stazione d Bologna, il 2 Agosto 1980.
Dio, che rabbia.


domenica, 02/02/2003

nessun titolo

Era ora..!
Finalmente i Venus pubblicano un nuovo cd.

domenica, 02/02/2003

nessun titolo

Ma quali due torri
Qualche sera fa sono andato al cinema, a vedere Le due torri.
Dopo, ci è voluto un po’ per spiegare a un amico che vive fuori dal mondo (tutti hanno almeno un amico di questo tipo) che no, non era un film sull’11 Settembre -quello è uscito mesi fa, e si chiamava appunto 11 Settembre- e no, non era neanche un film sulla Torre degli Asinelli e la Garisenda, benchè fare film su Bologna sia sempre molto di moda. Sarebbe superfluo aggiungere qui il mio commento al film, anche perchè, da buon fondamentalista tolkieniano, ho passato tutto il film a metà tra l’estasi per l’essere di fronte a paesaggi e battaglie che ho mille volte immaginato, messi in scena con notevole perizia, e la disperazione per le tante inevitabili infedeltà nei confronti del libro. Parentesi: quella di Legolas sul proto-skateboard era una citazione di Ritorno al futuro, vero? Anche la musica…
Ora però non ricordo più cosa volevo dire in questo post. Ah sì: Gollum è fatto troppo bene.
[Un post un po' inconcludente. Come la mia giornata, del resto]




sabato, 01/02/2003

nessun titolo

Oggi
E’ l’ 01/02/03.
Brr.


sabato, 01/02/2003

nessun titolo

Qualcuno ha capito tutto
L’imperdibile copertina del Daily Mirror di qualche settimana fa su Bush e l’imminente (?) guerra
(Network Games via ManteBlog)


venerdì, 31/01/2003

nessun titolo

Ok che il web è bello anche per la fuffa…
…ma addirittura una pagina sul tema Cucinare ascoltando Ani Di Franco forse è un po’ troppo…
Proverò la ricetta, comunque.
[Noto ora uno sterminato archivio con ricette del genere. Tra gli artisti "cucinati" Carmen Consoli, David Gray, Beth Orton, Moby, Norah Jones, Subsonica, Bjork e molti altri. Curioso notare gli abbinamenti musica-cibo...]


venerdì, 31/01/2003

nessun titolo

Io non ho speranze, ma credo nella cura
Sta per tornare in scena Emidio Clementi
, scrittore e ex leader dei Massimo Volume, col suo nuovo gruppo, El muniria. 

venerdì, 31/01/2003

nessun titolo

Referrer’s blues
Insomma, mi oppongo. I referrer delle chiavi di ricerca grazie alle quali questo blog è raggiunto sono imbarazzanti. Quasi tutte di argomento musicale (a farla da padrona è Carla Bruni, seguono Nick Cave ed Erlend Oye), con poche eccezioni (il maledetto genius memory), e nessuna ricerca più piccante. Niente veline nude, sesso a Tallin, tette, culi, hardcore fuck, mara venier senza mutande e così via, come ogni blog che si rispetti. Mi ritengo offeso.
(e vediamo se con questo post le cose cambiano…)
Best referrers:
- blog stronzate informatiche (è un insulto?)
- Excalibur Tonino Guerra (non ditemi che per bisogno di soldi va pure là..!)
- h3g telefonia pubblicità ragazza (ti sei innamorato? buona fortuna..)
- bisogno di comunicare (oh, mi dispiace…magari apri un blog)
- rumore rivista musicale (aprite un sito!!)
e il migliore:
- seno e più seno boss (???)










giovedì, 30/01/2003

nessun titolo

…ci chiesero di ricostruire il fatto
E’ la storia di Jack Harrington, un analista di successo nella Londra contemporanea. E’ la storia di un uomo abituato a ricostruire le vite altrui, a ricomporne i pezzi, ad ordinarne i conflitti. Ma è anche la ricostruzione di un evento della sua infanzia, un evento a lungo nascosto ed ignorato, di quelli che sconvolgono una vita. Il tutto scritto in una prosa secca ed essenziale, che non si perde in chiacchiere e racconta la storia del ricostruzionista (questo il titolo originale) con lucidità ed acume. Uno di quei libri che compri in primo luogo per la bellissima copertina, sperando che catturi lo spirito dell’opera più di quanto non faccia la citazione riportata in quarta. In questo caso, lo fa. Che poi sia di Josephine Hart (quella de Il danno, da cui è stato tratto il film di Malle) è solo un di più.
Josephine Hart – Ricostruzioni (Feltrinelli)


giovedì, 30/01/2003

nessun titolo

Avesse ragione
E’ quasi pronto il nuovo cd di PJ Harvey. Lei dice che “è brutto”, ma anche che è oscuro e bluesy. Spero abbia ragione, se considera bello il precedente.
(tornassero i tempi di Rid of Me e To bring you my love…)


giovedì, 30/01/2003

nessun titolo

Ho ceduto
Sapevo che sarebbe successo. Anyway ho scelto di buttar giù di getto un elenco e di fermarmi a 31 (perchè 31, poi?), tentando di abolire i ripensamenti (inevitabili) o i metodi scientifici (non ho tempo). Questo è il risultato. Non mi soddisfa, ma dubito che sia possibile essere soddisfatti con elenchi simili, quindi there you go.

Le 31 canzoni che hanno illuminato la mia vita
(in nessun ordine particolare)
1.
PJ Harvey – The Dancer
2. Aerosmith – Amazing
3. RedHotChiliPeppers – Under the Bridge
4. Suzanne Vega – Rosemary
5. Tori Amos – Winter
6. Fabrizio D
e Andrè – Canzone dell’Amore Perduto
7. La Crus – Come Ogni Volta
8. Scisma – L’equilibrio
9. Jeff Buckley – Grace
10. Ustmamò – Minimale
11. CCCP – Depressione Caspica
12. Skunk Anansie – Twisted
13. Smashing Pumpkins – Mayonaise
14. Nick Cave & The Bad Seeds – I Let Love In
15. Velvet Underground – Sunday Morning
16. Cake – I will Survive
17. Rachel’s – A French Galleasse
18. Spain – Every Time I Try
19. Counting Crows – Another Horsedreamer’s Blues
20. Beth Orton – Pass in Time
21. Tool – Aenema
22. Portishead – Wandering Stars
23. Kings of Convenience – Manhattan Skyline
24. Carmen Consoli – Blunotte
25. Subsonica – Preso Blu
26. Afterhours – Tutto fa un po’ Male
27. Pearl Jam – Indifference
28. dEUS – Instant Street
29. Radiohead – Street Spirit
30. Sonic Youth – Theresa’s Sound World
31. Leonard Cohen – Famous Blue Raincoat



































mercoledì, 29/01/2003

nessun titolo

Le 31 canzoni che mi hanno cambiato la vita
Il sasso è stato lanciato da Nick Hornby, presto imitato dall’intero mondo dei musicofili, tra i quali, non ultimi, i blogger.
Prima Wittgenstein, poi EmmeBi, Labranca, Manteblog and so on. Tutti esortano gli altri a dire la loro. Io, da fedele maniaco di classifiche e nastroni -come Hornby- ci ho provato, ma proprio non riesco. Troppo difficile.
Forse, comunque, ci ripenso.



mercoledì, 29/01/2003

nessun titolo

Scusate se rido…
…ma il fatto che la Cassazione abbia respinto il trasferimento da Milano dei processi a Previti e Berlusconi è davvero divertente.
Suppongo che ora che la legge Cirami si è rivelata inutile la abrogheranno. Cosa proveranno ora? L’infermità mentale?


mercoledì, 29/01/2003

nessun titolo

L’ultimo album
L’ultimo album è quasi sempre il più famoso. Inevitabilmente è quello che ha venduto di più. Ma di solito è anche il meno bello. Non, badate, il più brutto; uno agli artisti ci si affeziona, e gli dispiace anche solo pensare che possano produrre qualcosa di brutto. Non tanto bello, diciamo, non tanto bello perchè inevitabilmente diverso. Una volta erano meglio, si sono un po’ persi, sono loro ma non so, c’è qualcosa che non torna, non è un granchè, sono un po’ in decadenza. Ma no, non sono il tipo di persona che divide tra artisti commerciali e alternativi, quello lo facevo 8 anni fa, è solo che non so, quel duetto se lo potevano risparmiare, quella cover è un po’ sfacciata, a Sanremo proprio non ce li volevo vedere, chissà quanti soldi hanno speso per un video simile, okay la colonna sonora ma proprio di un film del genere?
Le cose vanno così. E io ho sempre paura dell’ultimo album.


martedì, 28/01/2003

nessun titolo

Starry starry night
Ieri sera Tori Amos a Firenze ha mandato in delirio un teatro strapieno ed adorante. Io ero tra quelli adoranti, e non me ne pento. Un’esperienza del genere vale i 41€ del biglietto e le 22 ore di veglia consecutive che mi sono dovuto fare per esserci. Highlight: Lust, Cornflake girl, Wednesday, Taxi ride.
Se qualcuno fosse interessato, qui ci sono setlist e recensioni.



domenica, 26/01/2003

nessun titolo

Comunicazione di servizio
Domani inkiostro non andrà in onda causa concerto di Tori Amos.

domenica, 26/01/2003

nessun titolo

Blogging
Ho visto che mi ha linkato FFWD, ovvero il miglior blog che parli di musica.
Citando -di nuovo- il leggendario I turbamenti del Giovane Blogger di Personalità Confusa, Giovane Blogger è molto felice e ringrazia.
Frattanto Personalità Confusa è diventato, insieme al diversissimo Wittgenstein, il mio blog preferito. Mi piacciono i blog personali che non scadono nel diario, e riescono ad essere interessanti anche per degli sconosciuti (come il suddetto e La Pizia), ma mi piacciono anche i blog più seri, in cui persone intelligenti dicono la loro sulle cose che succedono nel mondo (ManteBlog,
GnuEconomy). Sembra banale, ma non lo è.
Mentre non mi piacciono i blog poetici o presunti tali, con le descrizioni di tramonti, le notti insonni a contemplare le pene della vita e l’animo nobile e affranto di chi si prende troppo sul serio. E mi annoiano i diari. Per lo stesso motivo per cui annoiano le storie della De Filippi. Che, in più, sono pure costruite a tavolino per interessare.




sabato, 25/01/2003

nessun titolo

Da ponderare
L’uomo ragionevole si adatta al mondo;
l’uomo irragionevole persiste nel tentativo di adattare il mondo a se stesso.
Di conseguenza qualsiasi progresso dipende dagli uomini irragionevoli
.
(G.B. Shaw)




sabato, 25/01/2003

nessun titolo

Nostalgia nostalgia canaglia
Ai tempi del liceo tenevo un diario. Oggi l’ho ripreso in mano. Com’ero gggiovane.
“Domani tutti fanno sciopero tranne l’illustre liceo classico. Comunque nel mio animo coltivo la segreta speranza di farlo. A domani per maggiori notizie.
Ieri e ieri l’altro sono state giornate molto upset: vere e proprie zone depresse. Devastanti, devastato, tentativi di lavare via lo sporco dalla pelle, volontà di scacciare via pensieri eccessivamente problematici, rifugio nella musica cantata urlata disperata, ritorno agli antichi pensieri della Sweet Revenge, nessun autore letterario in cui rifugiarsi (non corrispondenza coi maledetti, simbolisti, Foscolo o chiunque altro), perdita di sensi. Fondamentalmente inutile procedere su questa strada. Bisogno di Omogeneità. Flusso di coscienza definitvo che scorre, incessante preghiera che mormora al cielo portandosi via la terra, l’acqua, le idee, le sensazioni. Brividi dietro la schiena che salgono e scendono senza regolarità nè senso, separazione globale dal mondo che mi circonda e dalla società (che mi sta mandando alla tomba). Terribile bisogno di non essere qui, di non essere adesso, di non essere con questa gente, di non essere. Coscienza di essere anormale fino in fondo, anormale coerente con se stesso, o forse coerente solo per chiusura mentale e per mancanza di alternative. Bisogno di comunicare ed essere capito, paura di comunicare ed essere capito, terrore di comunicare ed essere capito. Bisogno definitivamente frenato dal terrore. La fine è vicina. O se non lo è, comunque potrebbe esserlo. Dobbiamo prepararci, non si sa quando arriverà. Tutti essere pronti.
Stop.”
[Faccio tenerezza a me stesso]





venerdì, 24/01/2003

nessun titolo

L’ho fatto anch’io
Non ho resistito all’idea assassina de L’arte del nastrone, così ho fatto anch’io il mio nastrone. Ne ho fatto uno a tema femminile. Non so perchè, mi andava così.